Pompoir: un orgasmo molto intenso

Porno e pompoir rappresentano quasi un ossimoro. Le due cose, infatti, vanno poco d’accordo: il primo è dinamico, stravolto da un incessante motorismo volto a configurare quadri erotici sempre più disinibiti e alla stimolazione di mucose anali, vaginali e orali attraverso introduzioni peniche, il secondo invece, il pompoir, è caratterizzato dall’immobilità, dall’assenza di movimenti fisici apparenti.

Nei video porno italiani, in verità, si assiste raramente a vere azioni di pompoir. Tuttavia, nelle pagine più evolute di xxxitaliano.com, che raccoglie tutta la tassonomia sessuale dello scibile umano, si possono trovare azioni di pompoir e di sesso tantrico molto eccitanti.

Pompoir è il temine che descrive l’atto di mungitura del pene da parte delle pareti del canale vaginale. Deriva dall’idioma dell’India meridionale, dove testi del XVI secolo trattano già della capacità della donna di trattenere l’uccello dell’uomo all’interno della propria fica esercitando un’articolata serie di movimenti e contrazioni, appunto a imitazione di una vera e propria mungitura, volta a ottenere il massimo del piacere sessuale.

Il pompoir è un’evoluzione del sesso tantrico, potremmo definirlo quasi un sesso tantrico 2.0, che permetterebbe alla coppia esperienze orgasmiche da urlo e inedite.

La voce più autorevole in questo settore è Denise Costa, che nel suo libro dedicato all’arte del pompoir, ci spiega come con un training di un’ora al giorno per alcuni mesi, la donna può riuscire a controllare in maniera esemplare l’orgasmo maschile, perfezionando particolari abilità vaginali che definisce con i termini evocativi e onomatopeici di squezze, twist, milk, lock, grip the penis. L’apprendistato può iniziare con vibratori e palline vaginali, senza subito accanirsi su un pene in carne ed ossa. La Costa ci spiega, inoltre, come il pompoir non sia altro che una versione avanzata degli esercizi di Kegel che rinforzano l’apparato genitale e la muscolatura pelvica, e che oltre all’esperienza è necessaria anche una buona dose di capacità di concentrazione da parte della donna.

Come mungere il pene

Una volta effettuata la penetrazione e assunta la posizione più comoda per entrambi, nella assoluta immobilità la donna inizia a praticare la sua azione sul pene attraverso movimenti delle pareti vaginali e dei muscoli pelvici.

La vagina della donna con il membro in corpo dovrebbe essere in grado di

  • Succhiare il pene;
  • Rendere difficile la penetrazione attraverso la contrazione energica dei muscoli vaginali, quasi riverginandosi;
  • Applicare una contrazione ritmica e di intensità progressivamente crescente al pene, ovvero mungerlo;
  • Massaggiarlo;
  • Arpeggiarlo;
  • Ammanettarlo;
  • Ghigliottinarlo, ovvero morderlo con una contrazione decisa e potente;
  • Espellere il pene con la sola forza della fica, senza l’aiuto delle mani.

Al termine di questa procedura la coppia potrà dire di avere vissuto un’esperienza orgasmica esaltante e molto intensa, sicuramente più coinvolgente e qualitativamente differente da quelle che solitamente si esperiscono.

A volte si possono incrociare video porno italiani che presentano la pratica del pompoir. Xxxitaliano.com, nelle sue categorie più soft e intimiste, offre filmati in cui coppie, in atmosfere soffuse, esotiche e dal sapore tantrico si dilettano in questa pratica di mungitura, esibendo movimenti minimi esterni. Una versione decisamente alternativa al porno abituale.